Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

    [20] => 
	

    [21] => 
	

    [22] => 
	

    [23] => 
	

    [24] => 
	

    [25] => 
	

    [26] => 
	

    [27] => 
	

    [28] => 
	

    [29] => 
	

    [30] => 
	

    [31] => 
	

    [32] => 
	

    [33] => 
	

    [34] => 
	

    [35] => 
	

    [36] => 
	

    [37] => 
	

    [38] => 
	

    [39] => 
	

    [40] => 
	

)
Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

)

Imposta sui canoni per pulire spiagge toscane dal ''lavarone''

Una mozione del consiglio regionale prevede di utilizzare le risorse già esistenti per rimuovere la massa di alghe e legni che ha invaso i litorali.

Autore: Mondo Balneare

articolo pubblicato il 11/01/2019

mondo balneare

Molte spiagge toscane sono invase in questi giorni dal "lavarone", il miscuglio di alghe e legnetti portato a riva dalle correnti (nella foto d'archivio), e la questione è arrivata fino in consiglio regionale per capire come sfruttare l'imposta regionale sui canoni al fine di sostenere i costi della pulizia e dello smaltimento: nessun aumento in vista, ma solo un utilizzo della tassa già esistente ai fini diretti dell'emergenza.

La mozione è stata presentata dalla capogruppo della Lega in consiglio regionale, Elisa Montemagni, e approvata all'unanimità dalla commissione ambiente presdieduta dal democratico Stefano Baccelli. L'intento, recita una nota del consiglio regionale, è risolvere il problema «nel più breve tempo possibile».

La mozione impegna infatti la giunta a valutare la possibilità di destinare, tramite una convenzione con le amministrazioni comunali interessate dal fenomeno, una parte del 25% dell’aliquota regionale applicata sul canone delle concessioni demaniali marittime.

Il "lavarone", recita la nota, rappresenta un «disastro anche finanziario» per i balneari che si trovano ad affrontare emergenze nel pieno della stagione e «oneri elevatissimi» per lo smaltimento di un rifiuto considerato speciale.

Inserito da: Mondo Balneare
Articolo pubblicato il:11/01/2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA