Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

    [20] => 
	

    [21] => 
	

    [22] => 
	

    [23] => 
	

    [24] => 
	

    [25] => 
	

    [26] => 
	

    [27] => 
	

    [28] => 
	

    [29] => 
	

    [30] => 
	

    [31] => 
	

    [32] => 
	

    [33] => 
	

    [34] => 
	

    [35] => 
	

    [36] => 
	

    [37] => 
	

    [38] => 
	

    [39] => 
	

    [40] => 
	

)
Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

)

Maxi progetto da 3,4 milioni per salvare la spiaggia di Punta Ala

Pubblicato il bando per assegnare i lavori di intervento strutturale: si tratta di tre pennelli verticali lunghi 160 metri.

Autore: Mondo Balneare

articolo pubblicato il 08/01/2019

mondo balneare

I lavori di difesa della costa toscana, martoriata dalle mareggiate del 29 e 30 ottobre scorsi, partono dalla "perla" del Tirreno. La Regione ha pubblicato nei giorni scorsi il bando per la spiaggia di Punta Ala, frazione di Castiglione della Pescaia nel grossetano, definendo i tempi e i costi per il recupero e il riequilibrio del litorale di ponente che arriva fino a Follonica: si tratta di un'opera da 3,4 milioni di euro, che per la sua importanza sarà pubblicata persino sulla Gazzetta ufficiale europea.

L'opera dovrebbe risolvere i gravi problemi che da anni vedono la preziosa duna naturale a rischio scomparsa e gli stabilimenti balneari senza più spazio nemmeno per piantare gli ombrelloni; problemi aggravatisi in seguito alle violente mareggiate dello scorso autunno ma già persistenti da molto tempo, e particolarmente urgenti visto l'elevato valore ambientale dell'area.

Il progetto prevede la costruzione di tre pennelli di scogli verticali alla spiaggia, lunghi circa 160 metri e larghi tra i 10 e i 15 metri. Si tratta insomma di un intervento strutturale che dovrebbe impedire definitivamente al mare di portarsi via la sabbia. I pennelli partiranno direttamente dalla spiaggia per sotterrarsi sulla battigia e poi tuffarsi a pelo dell’acqua verso il mare aperto per circa 160 metri, e a una distanza l’uno dall’altro di circa 400 metri.

I lavori dovrebbero partire il prossimo settembre, ma saranno anticipati da un ripascimento in modo da risolvere la grave erosione avvenuta finora. I tratti interessati sono compresi tra il bagno Tartana e il bagno Hidalgo e tra il bagno Gimnasium e il Belmare, oltre che lungo l'ampia spiaggia libera.

Le offerte devono prevenire entro il 21 febbraio 2019 e le buste saranno aperte tre giorni dopo. Il vincitore dovrà realizzare i lavori in 406 giorni al massimo.

Inserito da: Mondo Balneare
Articolo pubblicato il:08/01/2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA