Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

    [20] => 
	

    [21] => 
	

    [22] => 
	

    [23] => 
	

    [24] => 
	

    [25] => 
	

    [26] => 
	

    [27] => 
	

    [28] => 
	

    [29] => 
	

    [30] => 
	

    [31] => 
	

    [32] => 
	

    [33] => 
	

    [34] => 
	

    [35] => 
	

)
Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

)

Balneari, Capacchione (Sib): ''Dal governo ancora nulla di fatto''

Il presidente del Sindacato italiano balneari chiede di inserire la riforma delle concessioni in legge di bilancio.

Autore: Sib

articolo pubblicato il 05/11/2018

mondo balneare

«Nella complessa e articolata manovra economica del governo, in discussione in questi giorni al parlamento, non vi è alcuna disposizione normativa che riguarda il nostro lavoro». Lo denuncia Antonio Capacchione, presidente del Sindacato italiano balneari - Confcommercio, sottolineando che la sua dichiarazione è «non per polemica, ma per la responsabilità che attualmente rivesto e per la delicatezza della situazione».

«Eppure la drammatica situazione odierna, creatasi con i recenti avvenimenti atmosferici che hanno reso ancora più evidente l'assurdità dell'attuale condizione delle imprese balneari - prosegue Capacchione - conferma che l'assenza di una prospettiva di durata oltre il 31 dicembre 2020 mette a rischio o impedisce del tutto persino la ricostruzione delle aziende colpite dalla furia distruttiva della natura».

«È sconcertante - tuona Capacchione - constatare che nessuna delle questioni, che noi abbiamo insistentemente e ripetutamente sollevato, abbia trovato spazio nei 90 articoli della legge di bilancio, né nei 27 articoli del decreto fiscale e neppure nei 60 articoli del decreto Genova (che - come è noto - riguarda diverse emergenze nazionali). Non vi è nulla per "il superamento degli effetti pregiudizievoli della direttiva Bolkestein" (come recita il punto 29 del contratto di governo); nulla per una diversa durata delle concessioni demaniali vigenti, analoga a quanto previsto dalla legge ligure n. 26/2017; nulla per il superamento dei canoni pertinenziali; nulla per evitare lo smontaggio delle attrezzature balneari; nulla per uniformare l'aliquota Iva a tutte le altre aziende turistiche. E si potrebbe proseguire nell'elenco delle vitali richieste per poter continuare a fare il nostro lavoro».

«Da giugno - ricorda il presidente del Sib - abbiamo chiesto al governo di rinunciare all'impugnativa davanti alla Corte costituzionale delle leggi regionali liguri emanate in materia a difesa delle aziende balneari: nulla! Abbiamo chiesto ai presidenti della VI commissione di Camera e Senato di calendarizzare le proposte di legge di iniziativa parlamentare che riguardano il nostro settore: nulla! Abbiamo chiesto ai presidenti della X e VI commissione di Camera e Senato di essere ricevuti per essere ascoltati (come anticipato dal ministro Centinaio a Rimini) sulle nostre problematiche e proposte: nulla! Insomma nulla di nulla! Né possono riempire questo vuoto assoluto di iniziativa legislativa le innumerevoli dichiarazioni, di autorevoli esponenti dell'attuale maggioranza e del governo, di vicinanza e di condivisione alle nostre richieste. In assenza di atti concreti, le stesse appaiono sempre più inutili e poco credibili».

«Continueremo nei prossimi giorni a incalzare il governo e il parlamento per l'adozione delle iniziative legislative non più differibili e che si passi finalmente dalle parole ai fatti», conclude Capacchione. «Nel contempo, è opportuno che i parlamentari di ogni schieramento politico vengano sensibilizzati e coinvolti dalle nostre rappresentanze territoriali affinché, con e in questa manovra economica, si ponga finalmente fine allo stato di precarietà e di incertezza di oltre 30.000 aziende balneari italiane e dei 100.000 addetti diretti».

Inserito da: Sib
Articolo pubblicato il:05/11/2018
© RIPRODUZIONE RISERVATA