Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

    [20] => 
	

    [21] => 
	

    [22] => 
	

    [23] => 
	

    [24] => 
	

    [25] => 
	

    [26] => 
	

    [27] => 
	

    [28] => 
	

    [29] => 
	

    [30] => 
	

    [31] => 
	

    [32] => 
	

    [33] => 
	

    [34] => 
	

    [35] => 
	

)
Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

)

Riforma spiagge e mareggiate, si riunisce il comitato di presidenza Sib

Capacchione: ''Decisi l'intervento immediato a favore delle aziende colpite dalla calamità naturale e l'indispensabile unità della categoria''.

Autore: Sib

articolo pubblicato il 31/10/2018

mondo balneare

Si è riunito con urgenza ieri a Roma il comitato di presidenza del Sindacato Italiano Balneari - Confcommercio, sotto la presidenza di Antonio Capacchione, per fare il punto della situazione della categoria e per valutare le iniziative da intraprendere.

Nel corso dei lavori, riferisce il Sib, «è stata constatata l’assenza di una iniziativa legislativa del governo, sia relativamente ai canoni pertinenziali sia per il superamento degli effetti pregiudizievoli della direttiva Bolkestein. È stata, poi, manifestata grande preoccupazione per gli ingenti danni a numerosissime aziende balneari causati dal maltempo di questi giorni e per l’aggravarsi del fenomeno erosivo che interessa ormai circa il 40% delle coste italiane».

«Al fine di rafforzare le ragioni degli imprenditori balneari italiani e per il conseguimento degli obiettivi che riguardano la stessa sopravvivenza economica ed amministrativa delle aziende, il comitato di presidenza del Sib ha convenuto sulla necessità di una vasta azione unitaria dell'intera categoria e delle sue rappresentanze. È stato quindi dato mandato al presidente Capacchione di intraprendere tutto quanto necessario per indurre le autorità competenti a un immediato intervento in favore delle aziende colpite dalla calamità naturale e per il conseguimento di una indispensabile unità della categoria (a partire dagli ‘alleati’ Fiba-Confesercenti e Oasi-Confartigianato), per risolvere, finalmente, i diversi problemi che assillano da anni le 30.000 imprese balneari italiane».

Inserito da: Sib
Articolo pubblicato il:31/10/2018
© RIPRODUZIONE RISERVATA