Imprese balneari escluse da voucher turismo, Sib: ''Grave errore''
Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

    [20] => 
	

    [21] => 
	

    [22] => 
	

    [23] => 
	

    [24] => 
	

    [25] => 
	

    [26] => 
	

    [27] => 
	

    [28] => 
	

    [29] => 
	

    [30] => 
	

    [31] => 
	

    [32] => 
	

    [33] => 
	

)

Imprese balneari escluse da voucher turismo, Sib: ''Grave errore''

Il governo ha reintrodotto l'uso dei voucher solo per i dipendenti del settore alberghiero.

articolo pubblicato il 06/08/2018

mondo balneare

«È incomprensibile e irrazionale la reintroduzione dei voucher anche nel turismo, assicurandolo però solo alle imprese alberghiere ed escludendo proprio quelle balneari, in cui si avverte maggiormente la loro necessità». Lo dichiara Antonio Capacchione, presidente del Sindacato italiano balneari aderente a Fipe-Confcommercio.

Il governo, infatti, nel "decreto Dignità" ha reintrodotto l’uso dei voucher anche nel turismo e lo ha fatto solo per gli alberghi e il ricettivo escludendo gli stabilimenti balneari, «cioè le 30.000 imprese – sottolinea Capacchione – che costituiscono la componente più rilevante del settore turistico, dal momento che la "vacanza", sia per la domanda italiana che per quella estera, continua a essere sinonimo di "mare"».

«Tra gli addetti di queste aziende sono moltissimi, se non la totalità, i giovani e gli studenti che, in cerca di un piccolo reddito, conciliano gli studi con il lavoro svolgendo mansioni di assistente bagnante, barman, cameriere, aiuto-cuoco, addetto alla sicurezza, bagnino di spiaggia eccetera. Per molti di loro si tratta del primo contatto con il mondo del lavoro», prosegue il presidente Sib.

«I voucher costituiscono una giusta e opportuna soluzione per combattere il lavoro nero e per garantire sia i lavoratori che le imprese. Pertanto, se c’è un settore turistico in cui si avverte la necessità di una loro introduzione, questo è proprio il balneare - ribadisce Capacchione - per la sua dipendenza da un mercato altamente incerto e fluido, condizionato fortemente, come è di tutta evidenza, da fattori giornalieri e perfino da quelli atmosferici».

«È veramente paradossale, quindi – conclude Capacchione – la reintroduzione dei voucher nel turismo limitatamente alle imprese alberghiere e ricettive escludendo incomprensibilmente quelle balneari».

Inserito da: Sib
Articolo pubblicato il:06/08/2018
© RIPRODUZIONE RISERVATA