Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

    [20] => 
	

    [21] => 
	

    [22] => 
	

    [23] => 
	

    [24] => 
	

    [25] => 
	

    [26] => 
	

    [27] => 
	

    [28] => 
	

    [29] => 
	

    [30] => 
	

    [31] => 
	

    [32] => 
	

    [33] => 
	

    [34] => 
	

    [35] => 
	

    [36] => 
	

    [37] => 
	

)
Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

)

Erosione costiera, incontro in Regione Lazio con Federbalneari

In arrivo un emendamento congiunto tra maggioranza e opposizione per il ripascimento del litorale.

Autore: Federbalneari

articolo pubblicato il 29/04/2018

mondo balneare

Si è tenuto venerdì scorso un incontro in Regione Lazio con i vertici di Federbalneari per aprire un confronto sui ripascimenti. Promotore dell’iniziativa il capogruppo della Lega in consiglio regionale Angelo Tripodi, che ha inserito tra le priorità della commissione XII permanente sulla "Tutela del territorio" le competenze sull'erosione costiera.

«Abbiamo presentato un emendamento per l’inserimento del tema delle commissioni - ha dichiarato Tripodi al termine della seduta - e abbiamo subito chiesto la sospensione dei lavori per la riunione della giunta. L'incontro è stato produttivo, e anche le altre forze politiche hanno convenuto a sostenere la nostra proposta attraverso un emendamento congiunto».

Soddisfatti anche i vertici di Federbelneri, dal momento che nel corso dell’incontro è stata ribadita la posizione favorevole al ripascimento puro anziché per l'installazione di scogliere. Gli interventi, informa Federbalneari, riguarderanno inoltre «la sistemazione dei moli e dell’imboccatura del canale, il mantenimento nel tempo e della linea di costa, l'eliminazione delle strutture rigide ormai obsolete ancora presenti nel tratto del litorale romano che fungono da innesco e moltiplicatore dei fenomeni erosivi».

fonte: comunicato stampa Federbalneari

Inserito da: Federbalneari
Articolo pubblicato il:29/04/2018
© RIPRODUZIONE RISERVATA