Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

    [20] => 
	

    [21] => 
	

    [22] => 
	

    [23] => 
	

    [24] => 
	

    [25] => 
	

    [26] => 
	

    [27] => 
	

    [28] => 
	

    [29] => 
	

    [30] => 
	

    [31] => 
	

    [32] => 
	

    [33] => 
	

    [34] => 
	

    [35] => 
	

)
Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

)

Rimini, bagno in mare per i cani: apertura del Comune

La proposta prevederebbe determinate fasce orarie per far entrare gli animali in acqua. Il tutto nel rispetto della salute pubblica.

Autore: Mondo Balneare

articolo pubblicato il 30/11/2017

mondo balneare

Consentire anche ai cani la possibilità di fare il bagno al mare, secondo criteri specifici e con una disciplina condivisa con gli operatori balneari. La proposta è stata discussa nei giorni scorsi dalla I commissione consiliare del Comune di Rimini, riunitasi per discutere una mozione presentata dal consigliere Filippo Zilli che impegnava il consiglio comunale a modificare il testo dell’ordinanza balneare.

Questo primo step positivo non significa ancora che il permesso sia valido a tutti gli effetti, ma l’amministrazione comunale di Rimini ha confermato la volontà di voler aprire un percorso di approfondimento e di confronto per capire come procedere. «Siamo assolutamente favorevoli a fare tutti gli approfondimenti tecnici del caso», conferma infatti l’assessore al demanio Roberta Frisoni. «Innanzitutto avvieremo un confronto con l’Asl, perché il primo principio imprescindibile che dobbiamo garantire è quello della tutela della salute pubblica. Richiederemo comunque ulteriori verifiche e anche sulla base di queste informazioni ci attiveremo per aprire un tavolo di confronto con tutti gli operatori presenti sulla spiaggia - bagnini, mosconai, salvataggi - per capire criticità e opportunità. Ci sono infatti diversi aspetti di cui tenere conto, a partire dalle peculiarità della nostra spiaggia che non può essere accomunata ad altri contesti italiani. L’idea quindi è di pensare a una sperimentazione, condivisa con tutte le categorie, che abbia alla base l’indispensabile equilibrio tra il benessere dei bagnanti, degli animali e non per ultimo delle condizioni di lavoro degli operatori, magari focalizzando la possibilità di balneazione dei cani a determinati periodi o in precise fasce orarie, secondo disposizioni puntuali da far rispettare a tutela di tutti i fruitori della spiaggia».

«Al netto delle verifiche e degli aspetti più tecnici – prosegue l’assessore – credo che per Rimini la possibilità di aprire la balneazione anche ai cani sia un’opportunità per offrire un servizio aggiuntivo ai turisti e venire incontro alle nuove esigenze dei cittadini: del resto molte delle nostre strutture turistiche sono già avanti sul fronte dell’accoglienza e dell’ospitalità verso coloro che non vogliono e non possono rinunciare a spostarsi con i cani. Questo servizio quindi amplierebbe la nostra offerta e sarebbe interessante anche in un’ottica di destagionalizzazione».

Il dibattito sulla fruizione della spiaggia per i cani si è aperto proprio in Emilia-Romagna, con una raccolta di firme partita da Comacchio che aveva raccolto migliaia di adesioni (vedi notizia), a cui è seguita un'interrogazione da parte del Movimento 5 Stelle (vedi articolo). Il tema interessa infatti milioni di turisti e potrebbe fare la differenza, in termini di presenze, per le prime località che apriranno il mare anche ai cani.

Inserito da: Mondo Balneare
Articolo pubblicato il:30/11/2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA