Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

    [20] => 
	

    [21] => 
	

    [22] => 
	

    [23] => 
	

    [24] => 
	

    [25] => 
	

)

Federbalneari: 'Approvare subito DDL Spiagge senza altri emendamenti'

Il presidente dell'associazione Renato Papagni scrive direttamente al premier Paolo Gentiloni per sollecitare l'immediato voto in Senato: ''Sarebbe il più bel regalo di Natale per i balneari''.

articolo pubblicato il 31/10/2017

mondo balneare

Federbalneari scrive al premier Paolo Gentiloni chiedendo l'immediata approvazione in Senato della riforma delle concessioni balneari, senza emendarla ulteriormente, così com'è stata già approvata la scorsa settimana alla Camera (vedi notizia). In una lettera inviata ieri al presidente del consiglio, il leader di Federbalneari Renato Papagni sottolinea infatti che «l’inserimento di altri emendamenti in questo momento farebbe esaurire i tempi utili per l'approvazione entro la fine della legislatura» del provvedimento che istituirebbe le evidenze pubbliche delle concessioni, dopo un periodo transitorio ancora da definire.

L'idea di Federbalneari è di «correggere eventuali lacune della legge-delega con i decreti attuativi, coinvolgendo tutte le forze politiche». Infatti, sottolinea Papagni a Mondo Balneare, «siamo convintissimi che il disegno di legge n. 4302 sia l'unica strada oggi possibile per mettere in sicurezza tutte le imprese balneari. Le forze politiche di centrodestra, se ritengono di poter fare meglio, lo dimostrino collaborando alla stesura dei decreti attuativi con senso di responsabilità. Opporsi al testo significa invece mettere a rischio la categoria, che si troverebbe ancora senza una legge».

«L'approvazione del ddl in Senato sarebbe il più bel regalo di Natale per i balneari - conclude Papagni - e abbiamo avuto rassicurazioni dirette da parte di Simona Genovese, responsabile giuridica della presidenza del consiglio, sul fatto che il premier sta seguendo in maniera diretta il provvedimento per portarlo alla conclusione entro la fine della legislatura. Ovviamente ringraziamo i due relatori alla Camera, i deputati Tiziano Arlotti e Sergio Pizzolante, per il buon lavoro sin qui svolto».

Riportiamo qui di seguito la lettera inviata da Papagni a Gentiloni (clicca qui per scaricarla in pdf).

Lettera di Renato Papagni a Paolo Gentiloni

Roma, 30 ottobre 2017

Caro Paolo,

il disegno di legge 4302 è stato licenziato dalla Camera dei Deputati in data 26 ottobre, ora è dunque programmabile la discussione in Senato.

Comprendo la complessa situazione politica e la difficoltà di trovare una finestra di votazioni per l’eventuale conclusione del percorso legislativo entro questa legislatura. Tengo solo a riconfermarti la necessità una veloce attuazione del provvedimento in Senato senza ulteriori emendamenti, permettendo di raggiungere il risultato della definitiva approvazione della legge delega, che seppur con qualche lacuna di definizione, costituisce un elemento importante per la messa in ordine del sistema balneare.

L’inserimento di altri emendamenti in questo momento andrebbe a rallentare di nuovo la dinamica istituzionale che da Palazzo Madama farebbe tornare il DDL alla Camera dei Deputati, esaurendo i tempi utili per la fine della legislatura.

Ciò premesso, ti chiedo di sostenere presso il Senato la priorità alla discussione in aula, augurandomi che si possa ricevere lo stesso positivo riscontro ottenuto dalla maggioranza della Camera, dove due terzi del Parlamento ha approvato il testo la scorsa settimana. Indice della maturata consapevolezza, da parte dei nostri rappresentanti politici, della priorità di un intervento immediato in questo settore, che rappresenta il 50% del nostro turismo, e per l’Italia, che rischia una nuova procedura di infrazione per la proroga al 2020, oltre a un’immediata procedura di gara che destabilizzerebbe nuovamente le economie dell’intero comparto.

Resto a disposizione per un contatto diretto con il tuo staff. Ti porgo i miei migliori saluti,

il presidente di Federbalneari Renato Papagni

Inserito da: Mondo Balneare
31/10/2017

 
 
 
Rivista Online di MondoBalneare.com

Best Beach Bar