Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

    [20] => 
	

    [21] => 
	

    [22] => 
	

    [23] => 
	

    [24] => 
	

    [25] => 
	

)

'No al DDL Spiagge': conferenza stampa del centrodestra alla Camera

Forza Italia, Lega Nord e Fratelli d'Italia illustreranno giovedì le ragioni della loro opposizione al testo che intende riformare l'assegnazione delle concessioni balneari.

articolo pubblicato il 23/10/2017

mondo balneare

Una conferenza stampa allargata a tutti i partiti di centrodestra per opporsi al disegno di legge sul riordino delle concessioni balneari. La organizzano Forza Italia, Lega Nord e Fratelli d'Italia questo giovedì alle ore 16 alla Camera dei deputati (Sala Montecitorio), con l'obiettivo di illustrare le ragioni per cui tutti i partiti di centrodestra sarebbero contrari a quello che definiscono il "ddl ammazzabalneari", cioè il disegno di legge n. 4302 che intende istituire le evidenze pubbliche degli stabilimenti balneari dopo un periodo transitorio ancora da definire, per adeguarsi alla direttiva europea Bolkestein sulla liberalizzazione dei servizi.

La proposta di legge, di iniziativa governativa e attualmente in discussione alla Camera dei deputati, vuole prevedere anche il riconoscimento del valore commerciale e della professionalità in favore degli attuali titolari di concessioni, ma Forza Italia, Lega Nord e Fratelli d'Italia non accettano il principio delle gare e per questo stanno praticando una dura opposizione al testo, su cui il partito di Berlusconi ha presentato anche una pregiudiziale di costituzionalità.

«Questo presunto riordino di fatto espropria oltre 30.000 imprese balneari italiane - ha detto la deputata Deborah Bergamini la scorsa settimana durante la presentazione del testo alla Camera (vedi notizia) e non capiamo la fretta di voler chiudere un provvedimento messo insieme in modo confuso, senza ragionare sul fatto che il nostro paese possiede 8.000 chilometri di coste e che ha le capacità tecniche di realizzare stabilimenti balneari ecocompatibili e non impattanti anche in luoghi diversi da quelli che sono già soggetti a concessione».

La conferenza stampa sarà trasmessa sulla web tv della Camera dei deputati, raggiungibile da questo link.

Inserito da: Mondo Balneare
23/10/2017

 
 
 
Rivista Online di MondoBalneare.com

Best Beach Bar