Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

    [20] => 
	

    [21] => 
	

    [22] => 
	

    [23] => 
	

    [24] => 
	

    [25] => 
	

    [26] => 
	

    [27] => 
	

    [28] => 
	

    [29] => 
	

    [30] => 
	

    [31] => 
	

    [32] => 
	

    [33] => 
	

    [34] => 
	

    [35] => 
	

    [36] => 
	

    [37] => 
	

    [38] => 
	

    [39] => 
	

)
Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

)

La classifica degli oggetti più dimenticati sotto l'ombrellone

Al nord i turisti più sbadati. Tra gli stranieri, i più attenti sono tedeschi e austriaci.

Autore: Sib

articolo pubblicato il 09/09/2017

mondo balneare

«Gli occhiali da sole o da vista si confermano anche quest’anno al primo posto tra gli oggetti dimenticati dai turisti sul lettino o agganciati all’ombrellone». Lo afferma Riccardo Borgo, presidente del Sindacato italiano balneari aderente a Fipe-Confcommercio, che come ogni anno ha stilato la classifica degli oggetti più abbandonati in spiaggia. «Seguono costume, asciugamano, ciabatte da mare, crema solare, chiavi, sigarette o accendino, orologio, cellulare e giochi per bambini», prosegue Borgo.

Quotidiani e riviste, ma anche libri, come consuetudine a fine giornata vengono invece lasciati in spiaggia di proposito, costringendo i bagnini a un lavoro maggiore. Ad oggi, infatti, la carta rappresenta un volume importante nella raccolta differenziata dei rifiuti negli stabilimenti balneari.

«Tra i turisti italiani, i più distratti sono quelli che trascorrono le vacanze al nord - continua Borgo - mentre tra gli stranieri abbiamo riscontrato che tedeschi e austriaci sono più attenti ai propri oggetti personali e soprattutto a non lasciare nulla in spiaggia, viceversa francesi e spagnoli risultano più distratti».

Tra i tanti oggetti curiosi che sono stati ritrovati in spiaggia quest'estate, infoma il Sib-Confcommercio, ci sono una carrozzina per disabili, un guanto da forno, un paio di stivali da cavallo, un apparecchio acustico, un rasoio da uomo, un rastrello e un seggiolino da bambini per auto.

Inserito da: Sib
Articolo pubblicato il:09/09/2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA