Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

    [20] => 
	

    [21] => 
	

    [22] => 
	

    [23] => 
	

    [24] => 
	

    [25] => 
	

    [26] => 
	

    [27] => 
	

    [28] => 
	

    [29] => 
	

    [30] => 
	

    [31] => 
	

    [32] => 
	

    [33] => 
	

)

Più canoe, meno acquascooter: la nuova tendenza delle spiagge italiane

Aumentano gli stabilimenti balneari che offrono l'esperienza dei remi ai propri clienti.

Autore: Mondo Balneare

articolo pubblicato il 31/08/2017

mondo balneare

L'uso di canoe, kayak e piccole barche a vela per l'esplorazione turistica e sportiva delle coste e del mare cresce sempre più, e aumentano gli stabilimenti balneari che offrono questo servizio ai propri clienti. Così come è crescente la rappresentanza di spiagge, lidi e villaggi che si dichiarano "acquascooter free" per un mare libero dai motori. Sono i dati di "Mediterraneo da remare", la campagna nazionale di sensibilizzazione alla tutela del Mare Nostrum, promossa da Fondazione UniVerde e Marevivo con l'adesione del Corpo delle Capitanerie di Porto - Guardia Costiera.

I dati sono stati presentati due giorni fa al Porto Turistico di Roma dal presidente Alfonso Pecoraro Scanio, già ministro delle politiche agricole e dell'ambiente, insieme all'ammiraglio ispettore capo (CP) Vincenzo Melone, comandante generale del corpo delle Capitanerie di Porto.

«Il dato positivo è che crescono le adesioni di stabilimenti balneari, strutture ricettive, villaggi turistici che decidono di fornire, per i propri clienti, un servizio di noleggio canoe e altri tipi di imbarcazioni a remi» commenta Pecoraro Scanio. Ma avverte: «Serve che il parlamento vari subito un piano di difesa dei nostri mari. La plastica è il materiale più abbandonato sui litorali e, secondo i dati dell'ultimo rapporto Unep, l'Italia è il terzo paese inquinatore. È necessario attivare programmi di riduzione della presenza di questi inquinanti, le conseguenze per l'ecosistema marino sono gravissime».

>> MONDO BALNEARE CONSIGLIA: Scopri i kayak e le tavole Bic Sport per offrire questa esperienza ai tuoi clienti. Clicca qui per guardare il catalogo.

Inserito da: Mondo Balneare
Articolo pubblicato il:31/08/2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA