Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

    [20] => 
	

    [21] => 
	

    [22] => 
	

    [23] => 
	

    [24] => 
	

)

''Il divieto di fare il bagno con bandiera rossa diventi legge''

Lo chiede Oasi-Confartigianato dopo la tragica morte di Pierluigi Ricci, il bagnino di salvataggio tuffatosi per salvare tre persone in mare nonostante la bandiera rossa.

articolo pubblicato il 09/08/2017

mondo balneare

Ha fatto scalpore la notizia della morte di Pierluigi Ricci, il bagnino di salvataggio di Fano morto per salvare due bambini e il loro padre che si erano tuffati in mare nonostante la bandiera rossa e le onde pericolose. E oltre al lutto e alla solidarietà manifestati in ogni parte d'Italia, il tragico fatto è diventato occasione per riflettere sui comportamenti imprudenti dei turisti che mettono a repentaglio la vita dei marinai con la casacca rossa.

La proposta era già stata avanzata dal Sindacato italiano balneari - Confcommercio dopo un analogo fatto avvenuto un mese fa in Liguria (vedi notizia), e ieri anche Oasi-Confartigianato Pesaro Urbino ha chiesto di rendere legale il divieto di tuffarsi in mare quando è issata la bandiera rossa.

«Operatori Associati Spiagge Italiane – Confartigianato esprime le più sentite condoglianze ai familiari di Pierluigi Ricci, il bagnino di salvataggio che ha perso la vita per salvare tre persone, le quali, nonostante la bandiera rossa e le avverse condizioni del mare, si erano avventurate ove non si tocca mettendo a repentaglio la loro vita e, purtroppo, anche quella dei soccorritori», recita il comunicato dell'associazione.

«La sciagura di ieri e il gesto eroico di Pierluigi dovrebbero indurre i legislatori, ai vari livelli (nazionale, regionale e locale), a modificare le normativa vigente in materia di sicurezza in mare - prosegue Oasi - attribuendo maggiori poteri agli operatori balneari e ai bagnini di salvataggio, tra cui quello di impedire l’ingresso in acqua in presenza di bandiera rossa e condizioni del mare palesemente avverse. L’attuale normativa, infatti, consente ai bagnini soltanto di usare il fischietto e di tentare di dissuadere i bagnanti a entrare in acqua. Al contrario, secondo Oasi, dovrebbe permettere il potere di impedire, in modo maggiormente perentorio, l’ingresso in acqua e di segnalare all'autorità marittima i nominativi di chi prende il bagno nonostante il divieto. Se autorizzata per legge questa è un’azione che, di fatto, possono svolgere soltanto i titolari delle imprese balneari e i loro bagnini di salvataggio, non potendo pretendere, ovviamente, che l’autorità marittima e gli altri organismi di controllo possano presidiare tutte le spiagge con personale proprio».

«L’obiettivo è quello di ridurre le morti per annegamento e di tutelare maggiormente gli operatori del settore balneare, primi tra tutti i bagnini di salvataggio che, nelle attuali condizioni, troppo spesso rischiano la propria vita per salvare quella di chi, nella maggior parte dei casi, non usa la prudenza necessaria e si comporta in modo incosciente», conclude Oasi.

Precisazione del 10 agosto 2017

A seguito dell'articolo sopra pubblicato, il presidente nazionale di Oasi-Confartigianato Giorgio Mussoni ci ha inviato una nota contenente alcune precisazioni. Per leggerla, clicca qui.

Inserito da: Mondo Balneare
09/08/2017

 
 
 
Rivista Online di MondoBalneare.com

Best Beach Bar