Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

    [20] => 
	

    [21] => 
	

    [22] => 
	

    [23] => 
	

    [24] => 
	

    [25] => 
	

    [26] => 
	

    [27] => 
	

    [28] => 
	

    [29] => 
	

    [30] => 
	

    [31] => 
	

    [32] => 
	

    [33] => 
	

    [34] => 
	

    [35] => 
	

    [36] => 
	

    [37] => 
	

    [38] => 
	

    [39] => 
	

    [40] => 
	

)
Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

)

I balneari querelano i 5 Stelle: ''Parlano senza prove''

Sullo sversamento dei reflui in mare, imprenditori molisani infuriati per la disinformazione verso i turisti.

Autore: Mondo Balneare

articolo pubblicato il 01/05/2017

mondo balneare

TERMOLI - Dopo la nuova denuncia del Movimento 5 Stelle sul presunto sversamento di reflui in mare proveniente dalla condotta vicino al depuratore del porto di questa mattina, domenica 30 aprile, i balneari di Termoli riuniti nel Sib-Confcommercio intervengono tramite il loro presidente Domenico Venditti sulla vicenda e annunciano di querelare i responsabili. «Non possono fare affermazioni di questo genere senza prove e senza documentazioni - afferma il presidente Venditti - Bisogna avere in mano i risultati delle analisi dell’Arpa che loro non hanno».

I proprietari degli stabilimenti balneari della città tornano a far sentire la loro voce a pochi giorni dall’inizio della stagione. «Proprio alla vigilia del ponte del 1° maggio, quando in tanti cominceranno a scendere in spiaggia, i rappresentanti pentastellati parlano di sversamenti e allarmano i tanti cittadini e chi vorrebbe iniziare ad andare al mare, non possono rovinarci la stagione balneare con le loro accuse non provate da documenti ufficiali».

«Siamo i primi a volere il bene della città e del mare, vogliamo tutelare la spiaggia e anche chi ci sceglie per le vacanze, ma non si può mettere a repentaglio il nostro lavoro». Il riferimento è anche a quanto accaduto un anno fa, il 20 luglio, quando per la presenza di batteri intestinali sopra il livello massimo all’altezza della foce del Sinarca, sul lungomare nord di Termoli, il Comune aveva emanato una ordinanza di non balneazione. Una decisione che aveva avuto gravi conseguenze sul lavoro collegato al mare e alle spiagge e aveva fatto registrare la cancellazione di numerose prenotazioni non solo nei lidi ma anche in alberghi, locande e b&b del territorio. «Così distruggono il nostro lavoro, per questo martedì presenteremo una querela contro il Movimento 5 Stelle», conclude il presidente Venditti.

fonte: Primonumero

Inserito da: Mondo Balneare
Articolo pubblicato il:01/05/2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA