Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

    [20] => 
	

    [21] => 
	

    [22] => 
	

    [23] => 
	

    [24] => 
	

    [25] => 
	

    [26] => 
	

    [27] => 
	

    [28] => 
	

    [29] => 
	

    [30] => 
	

    [31] => 
	

    [32] => 
	

    [33] => 
	

    [34] => 
	

    [35] => 
	

)
Array
(
    [0] => 
	

)

Salento, aprono 92 nuovi stabilimenti balneari

Rilasciate le concessioni per incrementare l'offerta dei lidi attrezzati, che al momento occupano il 9% del litorale.

Autore: Mondo Balneare

articolo pubblicato il 22/03/2017

mondo balneare

92 nuovi stabilimenti balneari nascono in Salento. Per rispondere alla notevole crescita di presenze turistiche (+20% l'estate 2016 rispetto a quella precedente), con l'approvazione degli ultimi Puad (i piani comunali per l'utilizzo del demanio), sono state rilasciate le concessioni per l'apertura di 92 nuovi lidi e spiagge attrezzate sulla spiaggia, che si aggiungono ai 286 già esistenti.

Al momento, sui circa 180 chilometri di litorale salentino, appena il 9% è occupato da stabilimenti balneari. Le 92 nuove imprese sorgeranno su concessioni rilasciate a seguito di procedure di evidenza pubblica e avranno durata da 6 a 20 anni a seconda delle amministrazioni comunali che hanno aperto i bandi.

La legge regionale della Puglia impone che le spiagge libere debbano essere almeno il 60% della costa e che, in caso di presenza di stabilimenti balneari, esista almeno un varco ogni 150 metri per il libero accesso al mare.

In Salento, il Comune che conta il maggiore numero di stabilimenti balneari è Ugento, con 50 lidi attrezzati. Seguono Porto Cesareo con 41 stabilimenti, Otranto con 40, Gallipoli con 39 e Lecce con 28 stabilimenti presenti nelle cinque frazioni balneari della città.

Inserito da: Mondo Balneare
Articolo pubblicato il:22/03/2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA