Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

    [20] => 
	

    [21] => 
	

    [22] => 
	

    [23] => 
	

    [24] => 
	

    [25] => 
	

    [26] => 
	

    [27] => 
	

    [28] => 
	

    [29] => 
	

    [30] => 
	

    [31] => 
	

    [32] => 
	

    [33] => 
	

    [34] => 
	

    [35] => 
	

    [36] => 
	

    [37] => 
	

    [38] => 
	

    [39] => 
	

    [40] => 
	

)
Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

)

Gasparri: 'Alcuni sindacati stanno tradendo i balneari'

Riceviamo e pubblichiamo qui di seguito una nota inviataci dal senatore di Forza Italia e vicepresidente del Senato.

Autore: Mondo Balneare

articolo pubblicato il 03/03/2017

mondo balneare

di Maurizio Gasparri

Alcune organizzazioni degli imprenditori balneari, per giustificare la loro arrendevolezza nei confronti del governo, criticano chi fa proposte chiare e decise.

Ma io resto dell'avviso che non si debba intervenire solo con una proroga delle concessioni, ma anche con una uscita dalla direttiva Bolkestein. E sono stato fin troppo signore quando, intervenendo a una manifestazione promossa anche dal Sib-Confcommercio nei giorni scorsi (vedi articolo), ho evitato di alimentare ancora di più la palese contestazione della base nei confronti di un vertice che si preoccupa più della linea del governo che non di quella dei propri associati.

Invece di criticare chi li ha risparmiati, queste organizzazioni chiedano scusa ai loro iscritti che stanno tradendo, per seguire provvedimenti sbagliati. Ma i balneari hanno ben altri e migliori rappresentanti di quelli che fanno da reggicoda alla Commissione europea e al governo italiano.

 

Inserito da: Mondo Balneare
Articolo pubblicato il:03/03/2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA