Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

    [20] => 
	

    [21] => 
	

    [22] => 
	

    [23] => 
	

    [24] => 
	

    [25] => 
	

    [26] => 
	

    [27] => 
	

    [28] => 
	

    [29] => 
	

    [30] => 
	

    [31] => 
	

    [32] => 
	

    [33] => 
	

    [34] => 
	

    [35] => 
	

    [36] => 
	

    [37] => 
	

    [38] => 
	

    [39] => 
	

    [40] => 
	

)
Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

)

Il ministro Calenda convoca i sindacati balneari

Giovedì l'incontro a Roma in seguito alle critiche ricevute dalla categoria.

Autore: Mondo Balneare

articolo pubblicato il 02/03/2017

mondo balneare

di Alex Giuzio

Calenda incontra i sindacati balneari. Lo hanno reso noto in un tweet la Fiba-Confesercenti e il presidente Vincenzo Lardinelli.

Il ministro allo sviluppo economico ha convocato per il prossimo giovedì 9 marzo alle ore 14 a Roma i rappresentanti nazionali delle associazioni degli imprenditori balneari, Riccardo Borgo (Sib-Confcommercio), Vincenzo Lardinelli (Fiba-Confesercenti) e Giorgio Mussoni (Oasi-Confartigianato), dopo le polemiche sollevate dalle sue dichiarazioni sulla situazione delle concessioni definita «vergognosa» (vedi notizia).

«Le concessioni balneari in Italia sono in gran parte vergognose e devono essere messe a gara», ha detto Calenda venerdì scorso all'incontro-dibattito "Per un'Italia libera dalle ganasce economiche" organizzato a Roma dal quotidiano Il Foglio. In seguito a queste parole, i presidenti delle associazioni Sib-Confcommercio, Fiba-Confesercenti e Oasi-Confartigianato hanno scritto una lettera al ministro definendosi «perplessi» e chiedendo un incontro urgente, e il ministro ha dato la sua disponibilità a ricevere i sindacati il prossimo giovedì. Non ci risultano convocate le altre associazioni di categoria, ovvero Cna Balneatori, Assobalneari-Confindustria, Federbalneari e Itb Italia.

«Sono una delle poche persone favorevoli alla direttiva Bolkestein - ha detto precisamente il ministro - perché quando lo Stato dà una concessione deve metterla a gara, non può darla in base individuale, è un principio logico. In Italia poi ci sono dei casi eclatanti, la maggior parte delle concessioni balneari sono addirittura vergognose, perché il loro costo ammonta a quello di un ombrellone e ciò significa che lo Stato sta dando una rendita al gestore». Il video integrale delle dichiarazioni di Calenda è disponibile cliccando qui (dal minuto 25).

Le dichiarazioni di Calenda hanno acceso intense polemiche, che è possibile ripercorrere in questo e questo articolo. Sicuramente giovedì le due parti in causa avranno modo di chiarirsi.

Inserito da: Mondo Balneare
Articolo pubblicato il:02/03/2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA