Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

    [20] => 
	

    [21] => 
	

    [22] => 
	

    [23] => 
	

    [24] => 
	

    [25] => 
	

    [26] => 
	

    [27] => 
	

    [28] => 
	

    [29] => 
	

    [30] => 
	

    [31] => 
	

    [32] => 
	

    [33] => 
	

    [34] => 
	

    [35] => 
	

)
Array
(
    [0] => 
	

)

Abusi sul demanio marittimo, sequestri della Guardia costiera

A Catona l'operazione congiunta coi carabinieri fa emergere un grave illecito.

Autore: Mondo Balneare

articolo pubblicato il 15/12/2016

mondo balneare

Alcune opere abusive realizzate e mantenute in un'area demaniale marittima oltre i limiti temporali fissati dalle autorizzazioni sono state sequestrate a Catona in un'operazione congiunta di carabinieri e sezione polizia giudiziaria della Capitaneria di porto.

I sigilli sono stati apposti a basamenti in cemento e mattonelle, interamente insabbiati, che per tipologia risultavano anche difformi da quanto dichiarato.

Le indagini eseguite alla presenza di personale del Comune hanno fatto emergere che le opere - distribuite su un'area pari a circa 700 metri quadri - erano mantenute senza alcuna autorizzazione, su una zona che rientra tra quelle assoggettate al vincolo paesaggistico ambientale.

Le strutture, poste sotto sequestro preventivo e urgente, sono state affidate in custodia alla persona titolare della concessione stagionale dell'area.

Inserito da: Mondo Balneare
Articolo pubblicato il:15/12/2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA