Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

    [20] => 
	

    [21] => 
	

    [22] => 
	

    [23] => 
	

    [24] => 
	

    [25] => 
	

    [26] => 
	

    [27] => 
	

    [28] => 
	

    [29] => 
	

    [30] => 
	

    [31] => 
	

    [32] => 
	

    [33] => 
	

    [34] => 
	

    [35] => 
	

)
Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

)

Gli imprenditori balneari protestano al Sun di Rimini

Ottocento operatori presenti al convegno "Gi le mani dalle spiagge"

Autore: Mondo Balneare

articolo pubblicato il 16/10/2010

mondo balneare

Il Sun di Rimini era l'occasione giusta, e i bagnini non potevano che approfittarne: così, in ottocento si sono presentati al convegno "Giù le mani dalle spiagge", organizzato dal Sindacato Italiano Balneari e dalla Fiba Confesercenti. Già il titolo dell'incontro era fortemente rappresentativo delle grandi preoccupazioni che stanno affliggendo gli operatori balneari in merito all'ardente questione delle concessioni balneari, e infatti non sono mancate le proteste contro un provvedimento che mette a rischio 28 mila imprese e 400 mila lavoratori, come è stato sottolineato durante il convegno.

«Gli imprenditori presenti hanno gridato che vogliono continuare a svolgere il loro lavoro nel mondo balneare», ha dichiarato il presidente del Sib Riccardo Borgo. L'argomentazione più forte è che il turismo balneare costituisce una grande fetta dell'economia del turismo in Italia, e così gli ottocento imprenditori, provenienti da tutte le regioni italiane, hanno sostenuto con forza la necessità di adottare una strategia unica per tutto il mondo balneare, che vada oltre alle linee di pensiero dei singoli sindacati, in modo da far valere le proprie ragioni davanti al Governo.

Fonte: comunicato stampa FIBA

Inserito da: Mondo Balneare
Articolo pubblicato il:16/10/2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA