Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

    [20] => 
	

    [21] => 
	

    [22] => 
	

    [23] => 
	

    [24] => 
	

    [25] => 
	

    [26] => 
	

    [27] => 
	

    [28] => 
	

    [29] => 
	

    [30] => 
	

    [31] => 
	

    [32] => 
	

    [33] => 
	

    [34] => 
	

    [35] => 
	

    [36] => 
	

    [37] => 
	

    [38] => 
	

    [39] => 
	

    [40] => 
	

)
Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

)

Riforma spiagge, Federbalneari: 'Linea condivisa col governo'

Riceviamo e pubblichiamo un appello del vicepresidente Federbalneari alle altre sigle sindacali per chiedere di stilare un documento unitario.

Autore: Federbalneari

articolo pubblicato il 30/12/2014

mondo balneare

di Mauro Della Valle

Cari amici di Mondo Balneare,

in qualità di vicepresidente nazionale di Federbalneari Italia, concordato con il presidente Renato Papagni, vi chiedo la possibilità di lanciare un appello a tutte le responsabilità delle altre sigle sindacali e delle associazioni tutte, al fine di riunirci quanto prima per stilare un documento unitario da sottoporre al tavolo ministeriale del 13 gennaio (vedi notizia, NdR).

Il momento è storico, e chiamiamo tutte le forze rappresentative a un segnale di maturità e responsabilità. Nell'ultimo incontro a Roma, il presidente Papagni ha dimostrato che Federbalneari può contribuire in maniera sostanziale alla tutela delle imprese balneari, e da pochi giorni in giunta nazionale abbiamo inviato delle comunicazioni a tutte le sigle sindacali per incontrarci e stilare una linea condivisa con la base associativa.

Non potremmo più permettere a chicchessia di usare Federbalneari quale capro espiatorio di ogni negatività.

Abbiamo tutti una storica responsabilità nei confronti di 30 mila imprese a condividere un documento unitario da sottoporre alla "base". Evitiamo possibili "movimenti in piazza" che, anche se comprensibili, potrebbero condizionare il risultato del 13.

Mauro Della Valle (vicepresidente Federbalneari)

Inserito da: Federbalneari
Articolo pubblicato il:30/12/2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA