Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

    [20] => 
	

    [21] => 
	

    [22] => 
	

    [23] => 
	

    [24] => 
	

    [25] => 
	

    [26] => 
	

    [27] => 
	

    [28] => 
	

    [29] => 
	

    [30] => 
	

    [31] => 
	

    [32] => 
	

    [33] => 
	

    [34] => 
	

    [35] => 
	

    [36] => 
	

    [37] => 
	

)
Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

)

Tavolo tecnico governo-balneari il 13 gennaio a Roma

Il Mibact ha convocato le associazioni degli imprenditori balneari per discutere la riforma del settore.

Autore: Mondo Balneare

articolo pubblicato il 23/12/2014

mondo balneare

di Alex Giuzio

Si avvia finalmente il tavolo tecnico tra il governo e le associazioni balneari per definire la riforma delle concessioni demaniali marittime a uso turistico-ricreativo.

Il Ministero del turismo, tramite il sottosegretario Francesca Barracciu (nella foto), ha ufficialmente convocato a Roma per il prossimo martedì 13 gennaio 2015 alle ore 10.30 i principali sindacati del settore: Sib-Confcommercio, Cna Balneatori, Assobalneari-Confindustria, Fiba-Confesercenti e Oasi-Confartigianato. L'appuntamento sarà nella sede del Mibact in Sala della Biblioteca (via del Collegio Romano 27, Roma). Come afferma la lettera di convocazione, l'incontro servirà a «illustrare gli aggiornamenti sullo stato dei rapporti con la Commissione europea e a recepire proposte e suggerimenti di natura tecnica per il disegno di legge sulla "Revisione e riordino delle disposizioni in materia di concessioni demaniali marittime con finalità turistico-ricreative».

L'ultimo appuntamento tra governo e associazioni risale allo scorso 28 ottobre (vedi notizia). Da allora è emersa una bozza di disegno di legge che non convinceva affatto i rappresentanti degli imprenditori balneari, i quali hanno più volte richiesto un nuovo incontro, sempre promesso e mai convocato dal governo.

Ma oggi è finalmente arrivata la tanto attesa convocazione. Oltre al sottosegretario Barracciu, parteciperanno i colleghi Sandro Gozi (affari europei) e probabilmente anche Pier Paolo Baretta (economia), oltre che il direttore dell'Agenzia del demanio Roberto Reggi: sono loro a seguire più da vicino la riforma del settore balneare, attesa da anni dopo che il governo Monti ha abrogato il rinnovo automatico delle concessioni demaniali per adeguarsi alla direttiva europea Bolkestein, lasciando il settore nella più completa incertezza.

Per leggere la lettera di convocazione, clicca qui.

Inserito da: Mondo Balneare
Articolo pubblicato il:23/12/2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA