Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

    [20] => 
	

    [21] => 
	

    [22] => 
	

    [23] => 
	

    [24] => 
	

    [25] => 
	

    [26] => 
	

    [27] => 
	

    [28] => 
	

    [29] => 
	

    [30] => 
	

    [31] => 
	

    [32] => 
	

    [33] => 
	

    [34] => 
	

    [35] => 
	

    [36] => 
	

    [37] => 
	

    [38] => 
	

    [39] => 
	

    [40] => 
	

)
Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

)

Dall'UE una app per censire i rifiuti sulle spiagge

L'ha sviluppata l'EEA, l'agenzia ambientale europea, ed gi scaricabile sugli smartphone.

Autore: Mondo Balneare

articolo pubblicato il 04/03/2014

mondo balneare

di Roberto Antonini

Una app per censire, mappare e auspicabilmente concorrere a rimuovere la spazzatura che si accumula sulle spiagge europee. L'ha sviluppata la European environment agency (EEA), l'agenzia ambientale europea. Per ora è disponibile solo per dispositivi Android (scaricabile dal Google Play store), ma sta per arrivare anche per gli iPhone e iPad (negli App Store da aprile).

Gruppi organizzati ('comunità') e singoli potranno usare la app per caricare dati sull'immondizia che trovano in spiaggia. Con la Marine LitterWatch (MLW) la robaccia, abbandonata dai bagnanti o gettata dalle barche e poi trasportata sui litorali, viene catalogata per genere (parti di auto, sigarette e accendini, scarti di animali, posateria in plastica e così via). I dati verranno poi utilizzati nell'ambito della European marine strategic framework directive.

Lo scopo, segnala la EEA, è di «colmare le carenze nei dati» relativi all'inquinamento e «coinvolgere i cittadini nella raccolta e monitoraggio» dei rifiuti. L'applicazione Marine LitterWatch consentirà poi di raccogliere e organizzare i dati, o a realizzare sondaggi sull'immondizia che invade le spiagge europee.

MarineLitterWatch è stata sviluppata dall'EEA in collaborazione con la Marine conservation society, l'Istituto per l'acqua della Repubblica di Slovenia, la Fondazione per il Mare del Nord e il progetto di ricerca Perseus Fp7.

fonte: Agenzia Dire

Inserito da: Mondo Balneare
Articolo pubblicato il:04/03/2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA