Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

    [20] => 
	

    [21] => 
	

    [22] => 
	

    [23] => 
	

    [24] => 
	

    [25] => 
	

    [26] => 
	

    [27] => 
	

    [28] => 
	

    [29] => 
	

    [30] => 
	

    [31] => 
	

    [32] => 
	

    [33] => 
	

)

'Basta con lo scaricabarile, il governo affronti la questione balneare'

L'europarlamentare Fidanza esorta i ministri di Letta a convocare un tavolo tecnico con le associazioni di categoria

Autore: Mondo Balneare

articolo pubblicato il 07/06/2013

mondo balneare

«Sono passati ormai diversi giorni dalla protesta eclatante di Marcello Di Finizio (vedi notizia) e ancora di più ne sono passati dall'insediamento del governo Letta, ma nessuno affronta la questione di come garantire un futuro a trentamila imprese balneari e a quelle dell'indotto». Lo dichiara l'eurodeputato di Fratelli d'Italia Carlo Fidanza (nella foto), coordinatore della task force per il turismo del Parlamento europeo.

«Non si pretende una soluzione subito, anche se tutti in campagna elettorale si sono impegnati in tal senso – prosegue Fidanza –  ma almeno l'indicazione chiara di quale sia il ministro chiamato a tirare le fila e a rappresentare il governo su questa delicata materia, nonché la convocazione del tavolo tecnico per valutare nel merito le proposte avanzate in questi mesi dalla categoria».

«Invece – accusa Fidanza – è ricominciato lo scaricabarile tra ministeri, nessuno dei quali vuole scottarsi con una vicenda che andrebbe affrontata con un po' di inventiva e una certa determinazione in ambito europeo»

Inserito da: Mondo Balneare
Articolo pubblicato il:07/06/2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA