Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

    [20] => 
	

    [21] => 
	

    [22] => 
	

    [23] => 
	

    [24] => 
	

    [25] => 
	

    [26] => 
	

    [27] => 
	

    [28] => 
	

    [29] => 
	

    [30] => 
	

    [31] => 
	

    [32] => 
	

    [33] => 
	

    [34] => 
	

    [35] => 
	

    [36] => 
	

    [37] => 
	

    [38] => 
	

    [39] => 
	

    [40] => 
	

)
Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

)

News Emilia Romagna

Italia state state state state state state state state state state state state state state state

15 anni ai balneari, in Romagna arriva la circolare e si torna a investire

La Regione ha scritto a tutti i Comuni costieri per invitare a estendere i titoli senza eccessive procedure burocratiche. L'assessore Corsini alla Fiera di Ravenna annuncia 25 milioni di euro di incentivi per il settore.

Autore: Alex Giuzio

articolo pubblicato il 01/03/2019

mondo balneare

Dopo l'Abruzzo e la Liguria, anche la Regione Emilia-Romagna ha emanato una circolare per invitare i Comuni costieri a estendere di 15 anni le concessioni degli stabilimenti balneari, secondo quanto disposto dall'ultima legge di bilancio. Lo ha annunciato l'assessore regionale al turismo Andrea Corsini, inaugurando questa mattina la Fiera Imprese Balneari in corso fino a domani al Pala De Andrè (vedi il programma). Ne parliamo in questo servizio video:

«L'estensione di 15 anni è stato un fatto positivo ma insufficiente - ha detto Corsini a Mondo Balneare - ora siamo fiduciosi per l'arrivo di una legge organica che dia certezze definitive agli operatori del settore. Nel frattempo abbiamo emanato una circolare interpretativa, inviata a tutti i Comuni costieri della Regione, che invita a estendere le concessioni senza procedure burocratiche troppo complicate».

Nel dettaglio, la circolare afferma quanto segue:

«Senza entrare nel merito degli aspetti di coerenza della norma in esame con l’ordinamento comunitario, né di problematiche interpretative in merito a specifiche casistiche individuate dalla norma, di competenza statale, si ravvisa l’esigenza [...] di fornire prime indicazioni di massima, esclusivamente sotto l’aspetto procedurale e operativo, ai Comuni costieri per l’esercizio delle funzioni loro attribuite in base alla L.R. 9/2002 e smi, al fine di assicurare il necessario coordinamento. Pertanto, fatti salvi eventuali successivi chiarimenti o risoluzioni da parte del Ministero competente, si ritiene che la norma in esame possa configurare una ipotesi di estensione ex lege dei titoli concessori interessati, che in quanto tale non prevede, di norma, la necessità di rilascio di un nuovo titolo concessorio. Si ritiene perciò ragionevole, salvo diverse successive indicazioni ministeriali, procedere con modalità analoghe a quelle già indicate in circolari del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti emanate in occasione di precedenti proroghe ex lege della validità delle concessioni demaniali marittime, circolari che in sostanza chiarivano che è sufficiente la mera annotazione sul titolo concessorio della proroga (nel caso di specie: estensione) della validità della concessione, con specifica indicazione del termine di validità e della fonte normativa, previo pagamento da parte dei concessionari di quanto dovuto in termini di imposta di registro a fronte dell’estensione della durata del titolo. Nel caso di concessioni per le quali l’imposta di registro sia già stata versata fino al 2020, detta quota dovrà essere scomputata».

Il testo completo della circolare è disponibile cliccando qui.

In fiera l'assessore Corsini ha anche annunciato che «a fine marzo sarà emanato un bando con una dotazione di 25 milioni di euro per la riqualificazione di alberghi e stabilimenti balneari. Le risorse, interamente provenienti dalla Regione Emilia-Romagna, serviranno ai titolari di lidi per tornare a investire, forti dei 15 anni davanti a sé».

La Fiera Imprese Balneari prosegue anche domani, con un convegno dedicato all'erosione costiera in programma in Sala dei Marmi alle ore 10.30, che servirà a fare il punto sulle possibili soluzioni a questa grave emergenza ambientale insieme ai massimi esperti in materia (leggi il programma del convegno).

Inserito da: Alex Giuzio
Articolo pubblicato il:01/03/2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA

 
 
 
Rivista Online di MondoBalneare.com

Rivista Online di MondoBalneare.com