Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

    [20] => 
	

    [21] => 
	

    [22] => 
	

    [23] => 
	

    [24] => 
	

    [25] => 
	

    [26] => 
	

    [27] => 
	

    [28] => 
	

    [29] => 
	

    [30] => 
	

    [31] => 
	

    [32] => 
	

    [33] => 
	

    [34] => 
	

    [35] => 
	

    [36] => 
	

    [37] => 
	

    [38] => 
	

    [39] => 
	

    [40] => 
	

)
Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

)

News Toscana

Italia state state state state state state state state state state state state state state state

Versilia, noto stabilimento balneare venduto grazie all'atto formale

Il lido Santa Zita di Camaiore è stato acquisito da una famiglia di imprenditori per un milione di euro.

Autore: Mondo Balneare

articolo pubblicato il 10/12/2018

mondo balneare

Importante passaggio di proprietà per un noto stabilimento balneare della Versilia: il lido Santa Zita di Lido di Camaiore è stato acquistato nei giorni scorsi dalla famiglia di imprenditori carrarini Nardoni-Vernazza, già proprietari del bagno Conte Rosso, per un milione di euro.

A darne notizia è il quotidiano locale Il Tirreno, che ha chiesto ai nuovi proprietari i motivi di questa scelta: «Abbiamo deciso di fare questo investimento – spiega Marco Vernazza – perché lo abbiamo ritenuto un’opportunità interessante, da sviluppare assieme ai nostri figli che ne avranno la responsabilità. La Bolkestein? Come altri che hanno deciso di puntare sul turismo balneare, anche noi abbiamo richiesto il cosiddetto “atto formale”».

Ciò significa che il bagno Santa Zita non sarà soggetto alla scadenza della concessione al 31 dicembre 2020, come la maggior parte degli stabilimenti balneari italiani a causa della famigerata direttiva europea Bolkestein. Questo lido infatti approfitterà della legge regionale toscana 31/2016, che ha dato la possibilità ai titolari di spiagge di presentare un piano di investimenti per ottenere un nuovo titolo concessiorio ventennale. Sono stati circa 400 gli stabilimenti toscani che hanno sfruttato il provvedimento regionale, chiedendo estensioni fino al 2035.

Nonostante questo, il prezzo di mercato si è piuttosto abbassato rispetto alle cifre astronomiche che vigevano sugli stabilimenti versiliesi, quando era ancora in vigore la legge sul "rinnovo automatico" e dunque sulla durata eterna della concessione. Ma il passaggio di proprietà del Santa Zita dimostra che, con un minimo di certezza normativa, il mercato della compravendita di stabilimenti balneari è ancora molto attivo.

Inserito da: Mondo Balneare
Articolo pubblicato il:10/12/2018
© RIPRODUZIONE RISERVATA

 
 
 
Rivista Online di MondoBalneare.com

Rivista Online di MondoBalneare.com